domenica, novembre 17, 2019
#RadioUniversitariaPrato

Prato Campus Week, quarta edizione

Leonardo 13 aprile 2016 Alla Radio Commenti disabilitati su Prato Campus Week, quarta edizione

Tre giorni di iniziative rivolte a tutta la città – il 19, 20 e 21 aprile – animeranno il centro storico, tra giochi, musica, eventi ed occasioni di incontro aperte al pubblico.

È il programma della quarta edizione di “Prato Campus Week”, organizzata dai tre campus universitari presenti a Prato: University of New Haven, Pin – Polo Universitario ‘Città di Prato’ e Monash University Prato Centre, in collaborazione con il Comune di Prato.

“Invito tutti i cittadini a festeggiare le nostre tre università e a cogliere l’occasione degli Open Day per visitarle – ha dichiarato l’assessore all’Università Daniela Toccafondi -. Prato crede molto nel valore della presenza delle università in città e per questo è impegnata a cercare di attrarne di nuove. L’amministrazione, dopo l’impegno profuso per l’apertura della mensa universitaria e per l’apertura di attività commerciali per la rivitalizzazione del centro storico, è impegnata anche a rispondere ad altre esigenze come lo studentato, per dare un’accoglienza degna agli studenti fuori sede”.

Gli obiettivi della manifestazione sono due: da una parte richiamare l’attenzione sulla presenza universitaria in città, che ogni anno porta centinaia di ragazzi a vivere quotidianamente il centro, con ricadute positive dal punto di vista sociale, culturale ed economico. Dall’altra favorire il coinvolgimento e l’interazione tra gli studenti italiani e quelli stranieri, tra gli studenti delle scuole superiori e quelli universitari, e tra la cittadinanza e la popolazione studentesca.

“L’obiettivo di questa quarta edizione di ‘Prato Campus Week’ – afferma Enrico Banchelli, direttore del PIN – è quello di riproporre alla città una presenza qualificata di studenti universitari provenienti da regioni e paesi diversi che trovano a Prato un luogo accogliente di studio e di soggiorno, una città viva e interessante che ha da offrire molto e troppo spesso non è valorizzata quanto meriterebbe. Il concetto di ‘Prato città universitaria’ non è un’utopia, le basi sono già state gettate e pensiamo che il suo futuro possa passare anche da una presenza qualificata di studenti ai quali offrire servizi e opportunità e che potranno restituire competenze, risorse e relazioni con il mondo”.

“In questi giorni festeggiamo la nostra presenza in città e le molte ragioni che hanno portato ad aprire la sede del campus a Prato – spiega il direttore della University of New Haven Kevin Murphy -. Prima di tutto la disponibilità’ e collaborazione della città, e la varie istituzioni, enti, associazioni e scuole con cui collaboriamo con reciproco vantaggio. Poi la sua unicità, data dalle dimensioni del centro più raccolte e vivibili rispetto ad altre città, la forte tradizione storica e la bassa connotazione turistica rendono questa esperienza per gli studenti unica, autentica e irripetibile. Vivere e studiare all’estero aiuta gli studenti a sviluppare autonomia, senso di responsabilità, tolleranza verso altre culture, capacità di comunicare in ambienti diversi dai propri e di gestire situazioni difficili. Qualità che serviranno loro nella vita e anche nel mondo del lavoro”.

“Vorremmo far diventare Prato Campus Week un appuntamento integrato nel calendario annuale della città, un modo per tutta la popolazione studentesca di Prato di riconoscersi e ritrovarsi – afferma Cecilia Hewlett, direttrice del Monash University Prato Centre. – Le attività proposte sono infatti tutte all’insegna dell’interazione e della condivisione: scambi di conversazione, musica dal vivo, con la novità della mensa universitaria aperta recentemente che crediamo fortemente possa diventare un luogo di incontro per tutti gli studenti di Prato, che avranno l’opportunità di conoscersi e di condividere esperienze. Le tre giornate di Open Day sono pensate infatti per facilitare questi scambi culturali in un contesto di festa. Un modo per ringraziare Prato e la cittadinanza per l’ospitalità che dimostra agli studenti stranieri Non esistono barriere linguistiche e culturali quando si è animati dalla voglia di conoscersi”.

Questo, nel dettaglio, il programma delle tre giornate:

19 aprile – Open Day New Haven

A partire dalle 15.00, in piazza San Francesco la University of New Haven organizza l’Open Day Fair: calcio balilla e ping pong aperti a tutti, dimostrazione di lacrosse a cura della squadra pratese Grizzlies, visite guidate del campus nell’ex-convento di San Francesco e un banco informazioni sulle attività svolte dall’unico campus americano a Prato. Il tutto sarà accompagnato dall’entusiasmo degli studenti e dall’offerta gratuita di American chocolate chip cookies (biscotti americani). Inoltre sarà possibile visionare all’interno della scuola, come esempio delle attività svolte dagli studenti, una presentazione audiovisiva delle escursioni in Normandia e Ukraina, che sono state effettuate in questo semestre in relazione al nuovo corso ‘War’.

Seguirà alle ore 18.00 l’annuale appuntamento con la Large Street Band che, partendo dalla piazza, girerà per le vie del centro seguita dal corteo degli studenti e degli amici della University of New Haven, invitando tutti a marciare, cantare e ballare con loro.

20 aprile – Open Day PIN – Piazza dell’Università tra giochi, arte e creatività

A partire dalle ore 17.00, piazza dell’Università si trasforma da luogo di passaggio, accanto alla stazione Porta al Serraglio, in luogo di divertimento e coinvolgimento aperto a tutti. Nella piazza sarà allestita una Mostra fotografica ricca di colori e creatività, mentre attori e ballerini, con le loro performance, condurranno spettatori e in un viaggio particolare fatto di racconti ed arte.

In contemporanea, un grosso gonfiabile delimiterà il campo di calcio balilla umano sull’altro lato della piazza. Squadre formate di sei giocatori si sfideranno all’ultima pallonata, vincolati a delle stecche, riproducendo in scala i giocatori del calcio balilla.

All’interno della sede, in tre aule diverse, saranno formate le squadre che si sfideranno ad escape room, un tipo di gioco in cui le persone vengono chiuse in una stanza con altri partecipanti e devono usare gli oggetti trovati nella stanza per risolvere una serie di giochi di logica e trovare indizi per poter scappare. (Per preiscriversi all’escape room ed al calcio balilla umano si può utilizzare il form al seguente link: https://goo.gl/3zg3mg)

Dalle 19.30, si continua con l’aperitivo e DJ Set presso la sede della Mensa Universitaria, in via Magnolfi, 54, e a seguire il concerto del gruppo emergente Frank dd & Friends, con inizio previsto per le 22.30. Frank dd & Friends è un gruppo reggae italiano che nasce nel 2013 con il concept album interamente autoprodotto “Radio Nigeria”. Nonostante sia nata solo da tre anni, la band si è esibita già su palchi come Bababoom Festival, urban ECO festival (in apertura agli Africa Unite). La loro ultima opera è il disco “Dannata Dimensione” che stanno facendo conoscere in giro per l’Italia attraverso l’omonimo tour.

21 aprile – Open Day Monash

Monash University Prato Centre, Palazzo Vai, Via Pugliesi 26, Prato.

L’Open Day Monash si apre alle 17:30 con Speedy Conversation Exchange, un modo semplice e divertente di mettersi alla prova con l’inglese (e l’italiano), conoscere gli studenti della Monash e vincere dei premi. Nel Salone principale della Monash saranno allestite tre file di tavoli e sedie con English speakers da un lato e Italian speakers dall’altro. Tre minuti di tempo per parlare di un argomento o rispondere a un breve quiz in inglese o in italiano e allo scadere del tempo si scorre verso destra e si ricomincia. I posti sono limitati, per partecipare è necessario pre-iscriversi online openday.monash.it.

Per chi è interessato a scoprire come studiare in Australia, nello Study Abroad Corner ci sarà l’opportunità di parlare con gli studenti della Monash e alcuni studenti italiani che hanno trascorso una parte dei propri studi presso la Monash University.

La serata prosegue dalle 19:30 con il consueto Australian Barbecue: è una tradizione che accompagna momenti di festa tra amici e un’occasione per stare insieme. Nel cortile di Palazzo Vai sarà allestito un gigantesco barbecue dove saranno preparate delizie in stile “aussie”. Ingresso libero.

Dalle 20:00 il suggestivo cortile interno del Monash Prato Centre si trasformerà in un dance floor con musica e una live band per ballare fino a tardi a ritmo di swing. Durante la serata ci sarà anche un angolo pensato per il divertimento dei più piccoli. All’interno del nostro Kids’ Corner potranno scoprire gli animali australiani, imparare le filastrocche in inglese e divertirsi con gli educatori di “I Camp” specializzati nelle attività ludiche e creative per i bambini. Aperto a tutti.

Per chi vuole partecipare ancora più da vicino, ci sono anche molte opportunità di volontariato, dal social media al supporto al team Monash.

Like this Article? Share it!

About The Author

Comments are closed.