giovedì, agosto 13, 2020
#RadioUniversitariaPrato

Patatine allo Schlachtensee

Giuseppe Govinda 22 ottobre 2012 Discovering Berlin, Germania, Steglitz-Zehlendorf Commenti disabilitati su Patatine allo Schlachtensee

La bellezza di una città come Berlino è che non devi per forza andare fuori dalle sue mura (che tra l’altro non ha), non devi fare ore e ore di autostrada per ritrovarti nel selvaggio, la foresta è dentro Berlino. Sto parlando di Grunewald che con i suo 3000 ettari di estensione è la maggiore foresta cittadina della capitale tedesca.
Grunewald è collocata ad est del fiume Havel, comprende più quartieri ed è ricco di laghi: oltre alla parte del Großer Wannsee, ci sono lo Schlachtensee, il Krumme Lanke, il Grunewaldsee e il Hundekehlesee.
Quando sono stanco dei giardini curati e perfettini, prendo la mia cara Sbahn direzione di Steglitz-Zehlendorf – il distretto con il piú basso tasso di dissoccupazione e la struttura sociale piú elevata – e mi rifugio proprio allo Schlachtensee: vado a farmi un bagno, prendo il sole (queste due opzioni non sempre sono possibili ovviamente), o semplicemente passeggio circondato dalla natura. Non ho bisogno di andare in cima all’Himalaya o perdermi nell’entroterra senegalese per sentirmi parte della terra, per sentirmi un puntino unico e inimitabile ma una delle tante creature dell’universo.

È mezzogiorno. Compro le patatine fritte nel fast-food locale sulla sinistra. Mi vengono in mente le immagini di qualche estate fa: gente in shorts, scarpe da tennis estive o infradito, famiglie in bicicletta, e studenti rumorosi e belli. In autunno invece lo Schlachtensee non è così affollato, ma nei fine settimana invece si; giustamente le famiglie, i giovani e gli anziani non si fanno intimorire da qualche nuvola. E poi, chi l’ha detto che la natura è bella solo se c’è il sole?

Con le mie patatine in mano scendo giù per il pendio circondato da Faggi. M’incammino per il viale immerso nella foresta e arrivo al solito posto, in cui c’è un albero che noi usiamo come trampolino per i tuffi. Una betula mi attira a sé. Mi siedo e prendo un libro di Rosa Luxemburg. A Rosa la immagino sempre come una donna innamorata della vita. Con Karl Liebknecht e con i suoi amici fondò la Lega di Spartaco un movimento controrivoluzionario. Rosa e Karl furono gli unici che si opposero all’entrata in guerra nel primo conflitto mondiale della Germania e pagarono con la vita la loro coerenza. Oggi a Berlino c’è una via intitolata a Karl Liebknecht – nel Mitte vicino alla torre della televisione. Sempre nel Mitte, una piazza, una via e la corrispondente stazione della metropolitana sono state invece intitolate a Rosa Luxemburg. Tutte le volte che ci passo in modo spontaneo mi ricordo di loro e penso che un esempio di politica così profondo è difficile trovarlo in ogni epoca. Anche loro, due piccoli essere inimitabili e belli.

Mangio l’ultima patatina e guardo il lago silenzioso ma vivo. Fra poco arriva Franz. Stasera andremo a un live degli Bodi Bill un gruppo elektro Berlinese.

Schlachtensee

Ascolta la poesia Il pettirosso di Rosa Luxemburg letta da Govinda!


RosaLuxemburgPlatz

Like this Article? Share it!

About The Author

Comments are closed.