mercoledì, settembre 18, 2019
#RadioUniversitariaPrato

I fumetti raccontano la Prima Guerra Mondiale

Leonardo 7 maggio 2016 NOTIZIE DAL POLO Commenti disabilitati su I fumetti raccontano la Prima Guerra Mondiale

Nell’ambito delle celebrazioni per il 150° Anniversario della Prima Guerra Mondiale l’Associazione Nazionale Combattenti e Reduci di Prato in collaborazione con la fumetteria Mondi Paralleli organizzano nei giorni 7 e 8 Maggio presso la Casa del Combattente Piazza San Marco 29 “La Guerra Disegnata: i fumetti raccontano la Prima Guerra Mondiale” esposizione di tavole originali e pannelli dei fumetti La Guera Granda di Luca Pozza e Renato Serra di Andrea Meucci e Giorgio Carta.

La mostra sarà inaugurata sabato 7 Maggio alle 17,00 con la presentazione dei fumetti esposti da parte degli autori e sarà visitabile con i seguenti orari: sabato dalle 17,00 alle 19,00 e domenica dalle 10,00 alle 12,00 e dalle 15,00 alle 19,00 presso la Casa del Combattente Piazza San Marco 29 a Prato.

Nei giorni di apertura sarà possibile visitare le tavole originali e i pannelli de La Guera Granda messi a disposizione dall’autore e dal “Museo Hemingway e della Grande Guerra” e le tavole originali di Renato Serra prestate dalla Biblioteca Malatestiana di Rimini, due fumetti sul tema della Prima Guerra Mondiale di cui raccontano gli orrori e il costo in termini di perdite di vite umane e talenti.

La Guera Granda racconta alcuni momenti della vita dei soldati impegnati sull’Altopiano di Asiago durante la Prima Guerra Mondiale, mostrando le luci e le molte ombre della trincea. Il fumetto non nasconde le miserie della vita al fronte, le paure e l’eroismo dei soldati, nonché il fanatismo degli ufficiali.

Renato Serra, edito da Kleiner Flug, ripercorre la vita del critico letterario di Cesena, illustrando le tappe principali della sua vita, dagli studi classici all’incarico di Direttore della Biblioteca Malatestiana di Cesena, alla partecipazione alla Prima Guerra Mondiale. La vita di Renato si interrompe a trentun’anni sul monte Podgora il 20 luglio 1915, quando un proiettile uccide lui e tutti i suoi progetti e idee.

Like this Article? Share it!

About The Author

Comments are closed.