venerdì, gennaio 24, 2020
#RadioUniversitariaPrato

Felice chi è diverso di Gianni Amelio al Festival di Berlino

Giuseppe Govinda 17 febbraio 2014 Discovering Berlin, L'isola di Govinda Commenti disabilitati su Felice chi è diverso di Gianni Amelio al Festival di Berlino

felice-chi-e-diverso-la-locandinaFelice chi è diverso / Essendo egli diverso / Ma guai a chi è diverso / Essendo egli comune. Dai versi di una poesia di Sandro Penna, scrittore italiano, che prende nome il documentario di Gianni Amelio presentato alla sessantaquattresima edizione del Festival Internazionale del Cinema di Berlino.

Felice chi è diverso vuol fa conoscere le storie di 19 omossessuali italiani oggi anziani. Da nord a sud si scoprono vite raccontate direttamente dai loro protagonisti, talvolta tristi, altre felici. È uno specchio dell’Italia che dalle rovine del Fascismo arriva ai giorni nostri.

Dopo la fine dell’era mussoliniana durante la quale gli omosessuali venivano negati “dal momento che non dovevano esistere”, il paese cerca di andare avanti. Le prigioni forzate, i rastrellamenti, i delitti di stato vengono sostituiti dalla singole azioni degli individui. Dal documento traspaiono diversi ricordi: un padre che tortura il figlio nella stalla poi liberato dalla madre anche lei picchiata dal marito; un ragazzo cui è pagata una prostituta per “convertirlo verso la giusta via” da uno zio troppo premuroso e poco rispettoso; due omosessuali, lui gay lei lesbica, che per avere il sussidio familiare che purtroppo ancora in Italia viene dato solo alle coppie eterosessuali, decidono di sposarsi.

Oltre alle testimonianze dirette, Gianni Amelio alterna immagini di repertorio prese dalla televisione. Alle volte le utilizza come a conferma delle parole degli intervistati, come quella secondo cui esponenti della Democrazia Cristiana fossero gay o bisessuali (Giulio Andreotti in primis).

Uno dei momenti più importanti del film è quello in cui si parla delle caricature sugli omosessuali e di Pier Paolo Pasolini grazie anche ai racconti del sempre simpatico Ninetto Davoli e alle parole di Domenico Modugno nella canzone Che cosa sono le nuvole.

“Felice chi è diverso è un viaggio in un’Italia segreta, raramente svelata dalle cineprese – ha dichiarato ufficialmente Amelio – È un viaggio fatto di storie raccolte dal Nord al Sud del Paese, di chi ha vissuto sulla propria pelle il peso di essere un ‘diverso’. Racconti di repressione, censura, dignità, coraggio, e felicità”. I film uscirà in Italia a Marzo.

A Sochi, nella Russia oppressa dalle leggi raziali di Putin, si disputano i giochi olimpici. L’Italia, non ha ancora una normativa pro omosessuale, però con questo interessante documentario si mostra da Berlino come un paese capace di guardare ai diritti di tutti.

Le ultime righe, le utilizzo per parlare di Vladimir Luxuria che in Russia si fa sentire e sogno che tutti gli omosessuali, i trans e i loro sostenitori volino a Sochi per gridare in russo “Gay è ok!!!”.

Foto 15-02-14 16 11 23

Foto 15-02-14 16 05 24

Like this Article? Share it!

About The Author

Comments are closed.