venerdì, novembre 22, 2019
#RadioUniversitariaPrato

Ecodistretti italiani: Prato al primo posto

Leonardo 6 giugno 2013 NOTIZIE DAL POLO Commenti disabilitati su Ecodistretti italiani: Prato al primo posto

Ottimo risultato per il distretto di Prato a seguito del Rapporto Ecodistretti promosso dalla Rete Cartesio (basato sulle politiche ambientali dei 100 distretti esaminati). Prato scala quindi in pochi anni diverse posizioni (era sesta nella precedente indagine, risalente al 2009) e conquista la vetta della classifica davanti ad altri due distretti toscani, il cartario di Capannori e la concia di Santa Croce.

La Rete Cartesio è costituita da sei regioni (Emilia Romagna, Lazio, Liguria, Lombardia, Toscana, Sardegna) ed ha la funzione di promuovere i temi della sostenibilità ambientale nelle filiere produttive nazionali. Il Rapporto Ecodistretti classifica i sistemi produttivi italiani sulla base delle iniziative che questi hanno progettato e realizzato per l’attuazione degli indirizzi delle politiche ambientali nazionali ed europee. Quella del 2012 è la sesta edizione, la seconda promossa dalla rete Cartesio.

L’edizione 2012 è particolarmente significativa: per la prima volta infatti sono stati valutati 100 distretti, la quasi totalità dei sistemi produttivi locali italiani, che contano (limitatamente alle attività caratterizzanti il settore produttivo del distretto) 120mila imprese.

La valutazione si basa su 6 indicatori: la presenza di infrastrutture ambientali finalizzate alla riduzione dell’inquinamento ed alla gestione di rifiuti ed energia; la diffusione di tecnologie ambientali all’interno delle imprese; il numero di aziende fornite di certificazione ambientale; i marchi ed etichette ambientali nei prodotti del distretto; la presenza di programmi di controllo ambientale; la realizzazione di progetti di eco-innovazione.

Soddisfazione è stata espressa dai soggetti che hanno collaborato al recente conseguimento dell’attestazione Emas di distretto: il percorso Emas infatti, assieme ad altre iniziative realizzate sul territorio, ha contribuito in maniera determinante al risultato.

I promotori e coordinatori del progetto Emas per il distretto di Prato sono il Comune di Prato, la Provincia di Prato e l’Unione Industriale Pratese. I partecipanti al soggetto promotore sono i Comuni di Montemurlo e di Vernio, la Camera di Commercio di Prato, il Pin, l’Asm, il Consiag, Legambiente, il Consorzio Progetto Acqua e Saperi srl. Hanno collaborato e collaborano i comuni di Cantagallo, Carmignano, Poggio a Caiano e Vaiano; Gida; Interporto della Toscana centrale; Macrolotto 2; Cna e Confartigianato di Prato.

Like this Article? Share it!

About The Author

Comments are closed.