lunedì, dicembre 9, 2019
#RadioUniversitariaPrato

Chi ti rappresenta di più in The Walking Dead 5?

Giuseppe Govinda 10 aprile 2015 L'isola di Govinda, Mondo Commenti disabilitati su Chi ti rappresenta di più in The Walking Dead 5?

Uno dei tanti scopi di una serie televisiva è quello di far in modo che gli spettatori si immedesimino nei suoi personaggi. Questo gioco di narrazione acquista una valenza più forte quando la storyline del prodotto non è ambientata in una normale città dei nostri tempi, ma è ambientata durante una “quasi” impossibile apocalisse zombie. La quinta stagione di The Walking Dead 5 si è appena conclusa e noi vogliamo esaminare alcuni dei personaggi che l’hanno caratterizzata per cercare di capire quale ci assomiglia di più.

(se non avete ancora visto TWD 5 attenzione agli Spoilers)

rick the walking dead diario dell'isolaRick è il leader. Chi lo conosce dalla prima stagione sa benissimo che tipo di evoluzione abbia avuto e come sia cambiato. Ma è davvero così diverso? La sua famiglia è sempre tra le sue priorità, lo è anche il gruppo di cui fa parte. Sono soltanto cambiati i metodi, a volte a dire il vero un po’ troppo cruenti. È quel genere di persona che quando si arrabbia fa una riflessione ed è disposto a tutto pur di non perdere nuovamente quello che ama, nel caso di Rick i suoi figli. Ha sofferto un grande lutto, la morte della moglie e ha il dovere di proteggere Carl e la piccola Judith. Il padre di famiglia.

 

Nicholas_S5_CropNicholas è il vigliacco. È il vicino di casa o l’amico traditore che tutti noi abbiamo avuto nella nostra vita. È quello da cui vai, e come Glenn ha fatto, cerchi di salvarlo parlandogli, ma lui che fa? Prova a ucciderti. Il “prova a ucciderti” nella vita reale sarebbe “cerca di mettertelo in quel posto comunque”. Perché si comporta così? Perché è un viscido, un sudiciume vivente. Tu quasi sconvolto pensi “ma guarda sto pezzo di m****!”. Rappresenta anche quelle persone che davanti a un pericolo scappano o trovano il modo più disgustoso per superarlo anche a scapito degli altri.

 

noah the walking dead diario dell'isolaNoah è il combina guai. Per colpa sua in un certo senso sono morti Beth e Tyreese. Quindi diciamo che non tutti sono stati tristi nel vederlo morire mangiato vivo. Chissà quante ne avrebbe combinate se si fosse salvato. Anche se al dire il vero nelle ultime puntate si era rivelato simpatico, come nella scena del camioncino in cui parte la musica.

 

 

Tyreese è il gigante buono.

Glenn è quello che ci crede.

maggie the walking dead diario dell'isolaMaggie è la persona cosciente che nella vita ci sono dolori, ma non si fa mettere sotto dalle difficoltà. Lo ha dimostrato quando aveva perso Glenn e quando sono morti il padre e la sorella. Non si è mai persa d’animo piú di tanto. Un buon esempio.

 

 

 

Beth è la ragazzina testarda.

Bob l’ex alcolista che trova nell’ironia la forza di andare avanti ma un male, nel suo caso un morso di uno zombie, lo porta via.

Eugene lo spara cavolate che “sa cose”.

Rosita quella atletica e che magari fa jogging.

Tara è quella autoironica, parla e sa sorridere nei momenti meno opportuni (è questo la rende anche più divertente)

Sasha è quella che non ci sta più con la testa.

Morgan è l’amico che nei momenti difficili ritrovi.

Michonne è diventata coll’essere una con la testa sulle spalle. Il dolore l’ha cambiata dandole un pizzico di saggezza.

Padre Gabriel è quello che sa di essere una merda, ma butta merda sugli altri a loro insaputa. C’è qualcos’altro da aggiungere?

Carl il bambino con grandi responsabilità, forse troppe visto la sua età.

Jessie nella vita reale sarebbe la ragazza che vorremmo portarci a letto.

Pete il manesco. Lui è la persona che ha bisogno di aiuto perché la sofferenza lo rende aggressivo. Purtroppo è ormai ingiustificabile: si comporta male da troppo tempo.

Aaron il diplomatico. L’amico pulito, carino, che ama il no profit. Sa il fatto suo.

Deanna the walking dead diario dell'isola

Deanna il politico. Ovvero come i politici dovrebbero essere, e diciamo che, tranne per qualche eccezione, lo sono (almeno nel mondo civile). Trasparenza, ripudio della violenza, ma presa di posizione per salvaguardare la comunità. Deanna sembrava fredda ma nel momento in cui gli uccidono anche il marito si dimostra un po’ debole, e quindi umana, nel chiedere a Rick di sparare a Pete.

 

 

Abraham è quello che dice le cose come stanno senza peli sulla lingua. La sua schiettezza la si nota ad esempio nell’ultima puntata quando dice la sua opinione sul caso “Rick”.

Norman Reedus and Melissa McBrideCarol è l’attrice. È fredda e potrebbe fare del male senza batter ciglio (per giuste cause) ma usa il suo aspetto per mostrarsi indifesa e poter entrare in un gruppo come farebbe una persona cattiva, ma cattiva non è e non è nemmeno falsa. Quel briciolo di autoironia la rende una delle più simpatiche della serie ma al tempo stesso è riuscita a terrorizzare tutti con la scena dei biscotti.

 

 

daryl the walking dead diario dell'isolaDaryl è il ragazzo con il background familiare difficile. È in tutto e per tutto un figo (perché ha scelto il bene) che si fa i fatti suoi. Un po’ come il fratello Merle, non ha paura di rischiare e pur di affondare il nemico è disposto a scendere all’inferno insieme a lui. Non si tira indietro, lo ha dimostrato nella scena con Aaron nell’ultima puntata.

 

 

 

Leader, vigliacco, combina guai, politico, tu in quale personaggio di The Walking Dead ti identifichi?

immagine the walking dead chi ti rappresenta di più

 

Like this Article? Share it!

About The Author

Comments are closed.